La storia dell'infanzia di Nathan Ake, oltre a fatti di biografie indicibili

La storia dell'infanzia di Nathan Ake, oltre a fatti di biografie indicibili

LB presenta la storia completa di un genio del calcio che è semplicemente conosciuto con il nome "Wee Man". La nostra storia d'infanzia di Nathan Ake più untold Biography Facts ti offre un resoconto completo degli eventi importanti della sua infanzia fino ad oggi. L'analisi coinvolge la sua storia di vita prima della fama, del background familiare, della vita relazionale e di molti altri fatti fuori campo (poco noti) su di lui.

Sì, tutti conoscono i suoi dreadlock rastafariani. Solo pochi considerano la biografia di Nathan Ake piuttosto interessante. Ora senza ulteriori indugi, iniziamo.

La storia dell'infanzia di Nathan Ake, oltre a fatti di biografie indicibili -Prima e vita familiare

Iniziando, il suo nome completo è Nathan Benjamin Ake. È nato il 18 febbraio 1995 da sua madre olandese, Ineke Telder e da suo padre simile, Moise Ake, all'Aia, nei Paesi Bassi.

Nathan Ake è figlio di un padre immigrato che è emigrato dalla Costa d'Avorio in Olanda per cercare e assicurare il futuro dei suoi bambini non ancora nati. Suo padre, Moise Ake, è astemio (qualcuno che sceglie l'astinenza totale dall'alcol). La famiglia Nathan Ake è lodata per aver mantenuto il calcio di base nella loro città natale di Voorburg, vicino a L'Aia, nei Paesi Bassi.

Nathan è cresciuto a L'Aia con il suo fratello maggiore, Cedric, che al momento di scrivere lavora con il Chelsea FC Mega Store. Da bambino, Ake era noto per essere un ragazzo molto timido.

Ake è cresciuto sotto la tutela dei suoi genitori che erano in gran parte coinvolti nella gestione del calcio giovanile all'Aia, nei Paesi Bassi. Il padre di Nathan Ake era un manager dell'accademia giovanile per l'accademia di calcio VV Wilhelmus mentre sua madre aiuta con il cibo per la stessa accademia.

La storia dell'infanzia di Nathan Ake, oltre a fatti di biografie indicibili -Inizio carriera

In qualità di allenatore di calcio dell'accademia, il padre di Nathan Ake Moise Ake ha aperto la strada al coinvolgimento di suo figlio nel calcio durante i suoi primi giorni. Avere una mamma che cucina anche per bambini calciatori ha anche contribuito al coinvolgimento di Nathan nel calcio.

Il suo primo club, Wilhelmus, che è il più antico della sua regione natale, è stato fondato dai sacerdoti cattolici John van Houten e Wilhelmus van Stee.

A quei tempi, Nathan Ake nella foto era di uno o due anni più giovane dei suoi compagni di squadra. Nonostante ciò, era ancora il migliore. Come si vede nella foto qui sotto, è stato tra i più corti di tutta la squadra giovanile di Wilhelmus.

Era un periodo in cui ogni bambino veniva attratto dal cucciolo. All'accademia Wilhelmus, il vuoto finiva per i ragazzini quando c'era il calcio ai loro piedi. Per Ake, era ovvio fin dall'inizio che aveva un brillante futuro. All'inizio della sua carriera, Ake ha imparato il mestiere di giocare come terzino sinistro o difensore centrale sinistro. La sua allenatrice nella foto sopra era la persona che gli ha insegnato a difendere.

La storia dell'infanzia di Nathan Ake, oltre a fatti di biografie indicibili -Strada per Ado Den Haag

Mentre giocava nel club della sua città natale, il Wilhelmus, i giovani scout dell'Ado Den Haag, un grande club di rivalità con l'Ajax e il Feyenoord, avvistarono Nathan Ake e lo portarono sotto processo. Ake senza tempo è diventato il miglior giocatore del club. Tuttavia, il suo unico problema rimaneva il fatto che era troppo timido soprattutto con le telecamere come mostrato di seguito.

Crescendo con Ado Den Haag, Nathan Ake è stato promesso un percorso accelerato nella prima squadra se non li avesse mai lasciati. È pertinente notare che Tim Krul, Daryl Janmaat è anche emerso dal club dell'Accademia di Den Haag. Nonostante sia stato promesso un rapido inserimento in prima squadra, Ake ha deluso il club costringendo i suoi genitori a forzare un trasferimento al Feyenoord all'età di 11 e dopo 5 di anni di permanenza.

La storia dell'infanzia di Nathan Ake, oltre a fatti di biografie indicibili -Road to Fame

Al Feyenoord, Nathan Ake ha goduto di altri 5 anni di permanenza (dai 12 ai 16 anni) dove ha avuto una rapida ascesa verso gli ultimi anni al club, un periodo che ha quasi segnato il completamento della sua accademia giovanile. All'età di 16 anni, Ake ha guidato la sua squadra a vincere il torneo giovanile Junior.

Tuttavia, all'età di 16, c'era un'alta incertezza sulla sua permanenza al club. Questo è venuto come club europei inclusi Chelsea FC è venuto chiamando. Ancora una volta, l'adolescente ha finito per dare alla sua squadra un altro shock.

In un momento in cui il Feyenoord stava per accettarlo nella loro squadra senior, Ake prese la sua decisione dicendo coraggiosamente al leggendario manager olandese Leo Beenhakker, allora direttore tecnico del Feyenoord, che stava lasciando il club. Sulla sua decisione, Nathan una volta rifletté dicendo;

'Ero giovane, quindi era difficile dirlo a qualcuno del genere'

disse Ake.

'Ma devi prendere decisioni e diventare più forte e crescere più velocemente da quello.'

Ake all'età di 16 ha viaggiato da solo a Londra per unirsi al sistema giovanile del Chelsea. Al Chelsea, Nathan Ake ha affrontato nuove sfide nella sua carriera, ma nessuna è così grande come aver fatto il viaggio dall'Olanda a Londra all'età di 16. Il resto, come si suol dire, ora è storia.

La storia dell'infanzia di Nathan Ake, oltre a fatti di biografie indicibili -Vita relazionale

Dietro ogni grande uomo, c'è una grande donna, o almeno così dice il proverbio. Dietro un Ake di successo, c'è una ragazza o una ragazza affascinante come si vede nella persona di Kaylee Ramman nella foto qui sotto. 

Nathan che ha iniziato la sua relazione nel parco giochi con il suo amore d'infanzia ha visto la relazione passare dallo status di bestie al vero amore. 

Al momento di scrivere, Kaylee, con l'aiuto del suo fidanzato, gestisce attualmente una gioielleria chiamata Status Medal.

Oltre a vendere oro, Kaylee è anche una blogger di viaggi che possiede il suo sito web e ama scrivere delle sue avventure. Il suo bel corpo e le sue gloriose curve senza dubbio cattura così tanta attenzione.

È solo una questione di tempo prima che le campane del matrimonio inizino a suonare per Nathan Ake e Kaylee Ramman.

La storia dell'infanzia di Nathan Ake, oltre a fatti di biografie indicibili -Personal Life

Nathan Ake è nato timido e tranquillo ma può essere molto eccentrico ed energico. È un pensatore profondo, una persona altamente intellettuale che ama aiutare gli altri.

Ake è in grado di vedere le cose senza pregiudizi, da tutte le parti, il che lo rende un risolutore di problemi. Dove mai la sua carriera lo porta, Nathan sa adattarsi all'energia che lo circonda. Atimes, ama passare il tempo da solo e lontano da tutto tranne che Kaylee Ramman la sua ragazza. Questo è fatto in altri per ripristinare le sue energie e rifornire di carburante la sua vita amorosa. Per Nathan Ake, il mondo è davvero un posto pieno di possibilità. 

La storia dell'infanzia di Nathan Ake, oltre a fatti di biografie indicibili -Il Chelsea Whats App Group

Lo sapevate? Giocatori in prestito al Chelsea FC hanno un gruppo WhatsApp dedicato che usano per condividere la loro esperienza. Nathan Ake nella foto sotto è molto attivo nel gruppo. Si è unito quando è iniziato il suo periodo di prestito a Reading. Ciò è continuato anche per Watford e AFC Bournemouth.

Mentre i giocatori scontenti del Chelsea FC scelgono di cancellare se stessi, Nathan è tra molti altri che hanno deciso di restare. È più attivo nel gruppo dopo ogni allenamento fisico.

VERIFICA: Grazie per aver letto la nostra storia d'infanzia di Nathan Ake oltre a fatti della biografia non raccontati. A LifeBogger, ci impegniamo per l'accuratezza e l'equità. Se vedi qualcosa che non sembra corretto in questo articolo, inserisci il tuo commento o contattaci !.

Sottoscrivi
Notifica
1 Commento
Nuovi Arrivi
il più vecchio I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
anni fa, 2

Zijn vader houdt gelukkig wel van een wijntje 🙂