Storia dell'infanzia di Erik Lamela, più informazioni biografiche incalcolabili

Storia dell'infanzia di Erik Lamela, più informazioni biografiche incalcolabili

LB presenta la storia completa di un genio del calcio meglio conosciuto con il soprannome; “Coco”. La nostra storia d'infanzia di Erik Lamela oltre a un'informale biografia I fatti ti offrono un resoconto completo degli eventi importanti della sua infanzia fino ad oggi. L'analisi coinvolge la sua storia di vita prima della fama, della vita familiare e dei fatti poco noti su di lui.

Sì, tutti conoscono le sue straordinarie capacità, ma pochi considerano la nostra biografia di Erik Lamala piuttosto interessante. Ora senza ulteriori indugi, iniziamo.

La storia dell'infanzia di Erik Lamela, oltre a fatti di biografie indicibili -Primi anni di vita

Erik Lamela è nato il 4th di marzo 1992 a Carapachay, in Argentina. È nato da sua madre, Miriam Lamela e da suo padre, José Lamela. È cresciuto nella provincia di Buenos Aires con suo fratello maggiore, Brian e il fratello minore Alex.

Suo padre, Jose che sembra Gabriel Batistuta e un suo fan ha incoraggiato suo figlio Erik a prendere il calcio come professione. Erik ha iniziato il calcio all'età di 5.

Dopo essersi unito al River Plate all'età di sette anni, il Barcellona avrebbe offerto a Lamela e alla sua famiglia 100,000 sterline all'anno, oltre a una casa e un lavoro per i suoi genitori, per trasferirsi nella città di Barcellona. Questo è stato un accordo simile a quello che ha visto Lionel Messi trasferirsi in Spagna da ragazzo.

Incredibilmente, i suoi genitori rifiutarono l'offerta nonostante l'interesse iniziale del figlio per Barcellona. Erik ha persino mostrato la maglia del Barcellona nel tentativo di corteggiare i suoi genitori. In effetti, i suoi genitori hanno fatto l'ultima chiamata rifiutando il Barcellona con sdegno o disprezzo.

Anche in 2004, a Trans World Sports La troupe cinematografica si è recata in Argentina per intervistare una dodicenne Lamela che stava già facendo notizia dopo aver segnato 12 gol per la squadra giovanile del River Plate in una sola stagione. Dopo aver guadagnato così tanta popolarità come super calciatore d'infanzia, Lamela dichiara il suo desiderio di seguire le orme di Diego Maradona e vincere una Coppa del Mondo per l'Argentina. Da bambino amava giocare alla PlayStation.

Lamela ha promesso la sua lealtà al River Plate, un club a cui si è unito da bambino di sette anni.

La vera pressione proveniva dal fatto che, a causa di anni di cattiva gestione, per non parlare della presunta corruzione, il suo club era sul punto di retrocedere per la prima volta nella sua storia 110-anno e Lamela 19-year-old era l'uomo gravato dal compito di salvarli.

Nonostante i migliori sforzi di Lamela, il club alla fine non è riuscito a sopravvivere, perdendo un drammatico spareggio che ha provocato rivolte da parte dei loro sostenitori isterici.

Tuttavia, un albero non può creare una foresta. Dopo aver vinto numerosi trofei, Erik Lamela una volta era conosciuto come un piccolo dio del calcio. Motivi per cui ha giocato nei suoi modi misteriosi.

Il rimpianto di Lamela è arrivato quando ha avuto un inizio difficile nella sua carriera professionale con il River Plate. Ha giocato 36 partite e ha segnato solo 4 gol. Ciò ha portato a più rimpianti per il suo rifiuto dell'FC Barcelona. Si è fatto strada in Europa unendosi Roma.

Lamela e RomaLa stagione, tuttavia, si è conclusa con il mal di cuore con la sconfitta contro la Roma rivali della Lazio nella finale di Coppa Italia, insieme al sesto posto in Serie A, il che significa che Roma non giocherebbe il calcio europeo per la seconda stagione consecutiva. Ciò ha portato a un frustrante trasferimento a Tottenham. La quota per Lamela lo ha reso il giocatore più costoso nella storia del club, £ 25.8 milioni, più fino a £ 4.2 milioni in pagamenti di bonus.  

Il resto, come si suol dire, ora è storia.

La storia dell'infanzia di Erik Lamela, oltre a fatti di biografie indicibili -Vita relazionale

Se sei una donna e sposi un uomo più giovane, presto sembrerai molto più vecchio di lui e potrebbe non essere più attratto da te. Questo non è il caso di Lamela che è stata con la sua fidanzata più grande Sofia Herrero per così tanti anni.

Erik ama mantenere la sua vita privata molto privata. Trascorre tutti i suoi momenti con Sofia, il quale è uscito per molti anni prima di sposarsi con lei in 2010.

Entrambi gli amanti hanno deciso di non avere figli fino al 25 di novembre 2017 quando è nato il loro figlio Tobias Lamela.

La storia dell'infanzia di Erik Lamela, oltre a fatti di biografie indicibili -La vita familiare

Idealmente, Erik proveniva da una famiglia di ceto medio-argentino prima che l'investimento nel calcio fosse ripagato.

PADRE: Il padre di Erik Lamela era molto bello durante la sua giovinezza. Lamela una volta ha pubblicato una foto del suo io più giovane con suo padre, insieme al seguente slogan: "Buona giornata a tutti i padri in particolare al mio ... il migliore 👏👏 Adoro le vecchie foto !!"

Su Instagram, alcuni fan di Lamela hanno suggerito che l'immagine di suo padre nei giorni più recenti assomigliava al leggendario attaccante argentino Gabriel Batistuta.

Nel frattempo, su Twitter, hardcore Tottenham il sostenitore Steve Nash ha ritwittato il collegamento Instagram e si è chiesto scherzosamente se il padre di Lamela fosse, in realtà, David Ginola. Suo padre ora è invecchiato come rivelato nella foto qui sotto.

MADRE: Erik Lamela si rivolge ai social media per augurare a sua madre una felice festa della mamma dopo TottenhamIl pareggio con il Liverpool.

FRATELLO: Erik Lamela ha un fratello maggiore che si fa chiamare; Brian Lamela. Brian non è stato tagliato per il calcio fin dalla sua infanzia.

Tra i suoi fratelli, Alex Lamela, suo fratello minore, nella foto qui sotto è di solito il soggetto principale di interesse.

Erik Lamela ha ricevuto una sorpresa la sera prima del suo debutto in casa Tottenham con la notizia che suo fratello minore era stato rapito da un carjacker armato nella sua città natale di Buenos Aires.

Secondo quanto riportato in Italia, Axel Lamela, 18, è stato catturato e minacciato.

È stato trattenuto per alcune ore prima di essere rilasciato in ritardo dai rapitori in cambio di una commissione di circa 50000 pesos, che equivalgono a circa 5500 sterline che aveva con sé. Sebbene il prendere di mira le famiglie dei calciatori da parte di criminali non sia un fenomeno raro, la polizia ritiene che in questo caso sia stato un caso e semplicemente il risultato dell'auto appariscente che guidava il diciottenne.

Il fratello maggiore di Erik Lamela, Brian Lamela, ha detto: ... “Ci hanno detto di ottenere i soldi del riscatto e di assicurarci che la polizia non fosse coinvolta. Sono venuti alla nostra porta di casa per raccogliere i soldi. Non si coprivano la faccia e le telecamere di sicurezza a casa nostra li hanno registrati. Mio fratello è calmo. Tutti noi pensiamo che sia stato un incidente casuale: l'hanno semplicemente rapito per l'auto e nient'altro ".

Ancora una volta, lo stesso sfortunato Alex Lamela ancora una volta ha sbattuto la testa in una piscina nella loro nativa Argentina. Il danno è stato grave che ha portato alla paralisi. Per alcuni mesi, Alex non ha potuto spostare nulla. Ci è voluto molto tempo prima che riprendesse un po 'di movimento. Ha poi iniziato a lavorare giorno dopo giorno per tornare a una vita normale. Al momento dell'incidente, Lamela era fuori con un problema all'anca.

Erik Lamela Childhood Story Plus Untold Biography Facts-Personal Life 

Erik Lamela aka "Coco" ha i seguenti attributi della sua personalità.

I punti di forza di Erik Lamala: Erik è compassionevole, artistico, intuitivo e di natura molto gentile.

Le debolezze di Erik Lamela: Erik potrebbe essere molto pauroso e possedere il desiderio di sfuggire alla realtà.

Cosa piace a Erik Lamela: Erik Lamela ama stare da solo. Gli piacciono anche il sonno, la musica, l'amore, i media visivi, il nuoto e temi spirituali.

Cosa non piace a Erik Lamela: Le persone che dichiarano di sapere tutto, il passato che torna a perseguitarlo (ad esempio: rifiutare l'FC Barcelona durante la sua infanzia) e infine, crudeltà di qualsiasi tipo.

Erik Lamela è sempre pronto ad aiutare gli altri, senza sperare di ottenere qualcosa indietro. La sua vita è caratterizzata dall'empatia e dalla capacità emotiva espressa.

Storia dell'infanzia di Erik Lamela, più informazioni biografiche incalcolabili Rabona

Erik Lamela ha segnato una volta un gol miracoloso nel tentativo di dimostrare il perché Tottenham ha sborsato 30 milioni di sterline per i suoi servizi. Non è altro che i suoi 20 yard 'rabona'gol per gli Spurs che è arrivato nella sua sfida in Europa League contro Asteras Tripolis.

Sorprendentemente, l'unica persona che non è stata commossa dallo sforzo spettacolare era il manager Mauricio Pochettino, che non ha mostrato alcuna emozione anche quando il suo staff tecnico si è alzato in piedi.

Nelle parole di Erik Lamela al Telegraph, ha detto ...“Preferisco solo parlare dei progressi della squadra e dello stare insieme e questo è più importante. Non mi piace parlare di cose come 'rabona'. Quando ero un ragazzino, ho imparato come farlo ed è rimasto bloccato. È solo qualcosa che non ho praticato. È naturale."

Storia dell'infanzia di Erik Lamela, più informazioni biografiche incalcolabili Storia delle ferite

Erik una volta ha avuto 13 miserabili mesi in disparte. Questo è stato un momento in cui il suo futuro e la sua carriera sono stati messi in discussione. La leggenda degli Spurs Ricky Villa - un argentino vicino al manager del club Mauricio Pochettino - una volta ha affermato che c'erano preoccupazioni sul fatto che non potesse giocare di nuovo.

Quando gli è stato chiesto se avesse temuto per il proprio futuro, Lamela ha detto: ..."Ovviamente. In tempi davvero brutti pensi sempre al peggio. Ma la mia famiglia era sempre con me e i tifosi mi volevano in campo. Mi danno l'energia per lavorare ogni giorno e per non mollare mai ".

Questo è quello che ha detto quando è tornato ...

"Sono contento di essere di nuovo in campo ma deluso per il risultato. Certo, posso andare molto meglio. I passati 13 mesi erano pazzi, era probabilmente il momento peggiore della mia vita. Volevo davvero giocare, ma il mio infortunio ha richiesto troppo tempo.

"Il manager e tutto il personale erano fantastici. Erano sempre con me, dietro di me. La gente mi voleva indietro e io ero concentrato solo su di esso. La mia famiglia era sempre con me, la mia ragazza mi spingeva sempre a tornare. E ovviamente era difficile essere così lunghi ma è il calcio ".

 FACT CHECK: Grazie per aver letto la nostra storia d'infanzia di Erik Lamela oltre a fatti di biografia non raccontati. A LifeBogger, ci impegniamo per l'accuratezza e l'equità. Se vedi qualcosa che non sembra corretto in questo articolo, inserisci il tuo commento o Contattaci!. 
Sottoscrivi
Notifica
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti